.
Annunci online

tool
Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello
Laura Boldrini, portavoce Unhcr, ha commentato così la notizia dell'ammissione di Liberi Nantes Football Club, il lungometraggio sulla prima squadra interamente composta da rifugiati e migranti forzati, prodotto da RED TV in associazione con la Società Sportiva Liberi Nantes, per il concorso David di Donatello 2010, sezione documentari.

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Unhcr) ha sostenuto dall’inizio e con grande entusiasmo l’esperienza dei Liberi Nantes FC. Abbiamo ritenuto importante la possibilità che lo sport poteva offrire a questi ragazzi rifugiati di sentirsi parte di una comunità, di un gruppo, di iniziare a ricostruirsi una vita al sicuro dalle guerre e dalle persecuzioni. Grazie al calcio infatti chi ha perso tutto fuggendo dalle aree di conflitto in ogni parte del mondo ritrova una parentesi di normalità e può dimenticare, almeno per un po’, i traumi dolorosi che ha subito. Mi complimento con i Liberi Nantes per la candidatura al David di Donatello perché l’esperienza illustrata nel loro documentario merita la massima diffusione ed attenzione.
Liberi Nantes al David di Donatello
Liberi Nantes al David di Donatello Liberi Nantes Football Club, il lungometraggio sulla prima squadra interamente composta da rifugiati e migranti forzati, prodotto da RED TV in associazione con la Società Sportiva Liberi Nantes, è stato selezionato per il concorso David di Donatello 2010, sezione documentari.

Diretto da Francesco Castellani e ispirato all’omonima docu-fiction seriale andata in onda su Red la scorsa stagione, il film racconta le vicende del Campionato di Calcio di Terza Categoria disputato a Roma nella stagione 2009 dai Liberi Nantes Football Club, unica squadra del mondo, insieme con il Barcellona, a essere patrocinata dalle Nazioni Unite. E che porta sulle magliette il simbolo dell’UNHCR, Alto Commissariato Onu per i rifugiati.

Nato dal “verity show” andato in onda su Red nel 2009, tutto giocato sul contrasto tra la dura realtà dell’immigrazione da un lato, il linguaggio e le illusioni dei reality televisivi dall’altro, il film documentario selezionato per il concorso David di Donatello è stato presentato come evento speciale all’ultima edizione della festa del cinema di Roma, alla presenza del presidente della Fondazione ItalianiEuropei Massimo D’Alema e del portavoce dell’Unhcr Laura Boldrini.



Liberi Nantes Football Club racconta le storie di vita e di integrazione tra gli italiani fondatori della squadra e i tanti ragazzi in fuga da guerre e dittature. Vite costrette all’anonimato, alla separazione spesso definitiva dalle proprie case e famiglie raccontate mescolando linguaggi narrativi e televisivi, per dimostrare che un altro calcio è ancora possibile. La squadra è composta da 25 atleti di origine eritrea, afgana, etiope, irakena, nigeriana, sudanese e i cui colori sociali sono quelli delle Nazioni Unite. Vivono in centri di accoglienza, sono rifugiati e richiedenti asilo e far parte di questo club rappresenta per loro un importante elemento di appartenenza e identità. La Liberi Nantes A.S.D nasce nel 2007, su iniziativa di un gruppo di appassionati volontari, con la collaborazione di importanti realtà che danno assistenza e sostegno ai migranti forzati sul territorio, primo su tutti il Centro Astalli, e con il sostegno costante la Fondazione Don Luigi Di Liegro e dell’UISP di Roma. Il Liberi Nantes F.C. è la prima e unica squadra, a carattere permanente, interamente composta da rifugiati e richiedenti asilo. Una scommessa generosa e difficile. Un mix di culture e storie umane, di vicende personali e familiari che si intrecciano con la grande storia e con i tanti conflitti irrisolti che infiammano il pianeta. Uomini dispersi e minacciati che hanno accettato di partecipare a un progetto comune. Un progetto di squadra, di unione e di lavoro che meritava di essere raccontato al pubblico televisivo; un progetto generoso che fa dell’integrazione e della comprensione umana il suo nucleo fondante; una risposta di appartenenza, condivisione, recupero delle identità e di uscita dal buio, che ora è anche un film.
Red Tv va in onda in forma ridotta
In questi giorni l’intera programmazione di Red Tv va in onda in forma ridotta, a causa delle modifiche alle norme sui contributi per l’editoria inserite nell’ultima legge finanziaria, con la cancellazione del cosiddetto “diritto soggettivo”. In questo modo, se non si interverrà rapidamente, si costringeranno alla chiusura decine di organi di informazione, giornali, radio e televisioni come questa, che danno lavoro a più di 4500 persone tra giornalisti, poligrafici e personale amministrativo, oltre a offrire un contributo fondamentale al pluralismo dell’informazione.

Se volete esprimere la vostra opinione e il vostro sostegno a questa battaglia di libertà, scrivete a info@redtv.it
Marini a Titoli di Coda: sto con Franceschini, ma è giusta la proposta di rivedere lo statuto
“Io sono convinto che quando ridiscuteremo lo statuto, se riprenderemo la strada del rinnovamento, dell’apertura del partito, se il segretario sarà eletto dagli iscritti, sarà meglio. Può darsi che io sia una minoranza, ma questa è la mia idea. Appoggio Franceschini, anche se so che su questo la pensa diversamente da me e sono contento che da ieri sia uscita la proposta di una commissione che riveda lo statuto”.

Franco Marini ospite questa sera della prima puntata di Titoli di coda intervistato da Federico Geremicca e Lina Palmerini.
Sircana a Finimondo: sono stato un cretino
"Sono stato un cretino che, tornando a casa una sera dopo una giornata di lavoro bestiale, vede, guarda e se ne va. Comportamento confermato dalle foto e dalle dichiarazioni del fotografo che le ha scattate e ha poi telefonato a Fabrizio Corona. Questo è bastato a scatenare una indegna bagarre. Vorrei ricordare che poi fui io a chiedere - con un articolo scritto per La Stampa - che le foto fossero pubblicate. Quello che ho sofferto lo definirei ‘moralismo da marciapiede’”

Queste le parole di Silvio Sircana, ospite oggi di Mario Adinolfi a Finimondo. Affrontando per la prima volta una domanda diretta sull’episodio che lo aveva coinvolto ai tempi del Governo Prodi, Sircana ha inoltre affermato di
“patire ancora la vicenda, ma di giudicare ogni parallelo con quanto accade al Presidente del Consiglio assolutamente fuori luogo. Rispetto a Berlusconi posso dire di essere molto preoccupato che a casa del Presidente del Consiglio possano accedere persone quantomeno ambigue. Un uomo pubblico come lui dispone di meno privacy di un comune cittadino, e la sua vita deve essere del tutto trasparente. Noi tutti dobbiamo poter guardare in casa sua”.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd mario adinolfi silvio sircana finimondo

permalink | inviato da RED il 12/10/2009 alle 16:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
Storace a REDazione Estate: gravi le affermazioni di Casini a Chianciano
Le affermazioni di Casini a Chianciano sono molto gravi, vuole dire che non conta nulla il voto dei cittadini. I "dieci minuti" citati sono una vera indicazione di strategia, si stanno già dando da fare. Ma Casini gioca la partita della spregiudicatezza, è una forza minoritaria anche la sua.

Il segretario nazionale de La Destra Francesco Storace, ospite questa mattina di Luca Rossi a REDazione Estate. E sulla polemica fra Bossi e Fini, Storace afferma:
Fini lo sapeva che c’era la Lega e con La Destra, che poi fu fatta fuori, la Lega oggi sarebbe stata meno forte. Ma, per rancore personale, ha preferito mettere un veto ed escluderci e ora la Lega straborda. Adesso non bisogna sorprendersi per una scoperta. Quello che sta avvenendo è una logica conseguenza. Berlusconi deve porre fine alle sparate di Bossi – ha concluso Storace – non è più pensabile, lo dico da uomo di destra, ascoltarle tutti i giorni.

Per vedere la puntata clicca qui.
21 giugno 2012
mxg in Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello ha scritto:
" Warcraft are now hitting the latest level cap Discount Coach Handbags . in variations for ..."
25 febbraio 2012
qwe in Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello ha scritto:
"fffffffffffff"
21 ottobre 2011
batshoes in Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello ha scritto:
"As same as the original designer shoes, Batshoes [url=http://www.batshoes.com]c... ..."
17 ottobre 2011
12312 in Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello ha scritto:
" Nick Collins Authentic Jersey Green , Philip Rivers authentic jersey white , Maurice ..."
15 settembre 2011
willdress in Laura Boldrini commenta la candidatura di Liberi Nantes al David di Donatello ha scritto:
"This quarter, the wedding dress with their own meaning, a-line wedding-dresses as synonymous with ..."